Comune di Fontanafredda

Ricerca rapida


< vai al contenuto centrale




Il tuo percorso: Ti trovi qui: Notizia

Serata di teatro "LA SAPADINA - Storia dimenticata di Vajont" Compagnia Teatrale di Soverzene “I FARSAIOLI”

Sabato 25 gennaio 2013 ore 20:30 presso Centro Polifunzionale Risorgiva

Il Circolo Culturale di Fontanafredda, con il patrocinio del Comune di Fontanafredda - Assessorato alla Cultura,  ha il piacere di proporre il teatro "LA  SAPADINA - Storia dimenticata di Vajont" con la compagnia teatrale “I Farsaioli” che propone un lavoro inusuale ai propri soliti schemi, proponendo il dramma inerente la commemorazione del disastro del Vajont. E' un dramma teatrale
scritto da Marcello Decima con la collaborazione storico-tecnica di Giuseppe Vazza e Mario Battiston.

Ancora vivi sono i ricordi in paese di tale tragedia ma la storia scritta e rappresentata intende ricordare una piccola borgata, ormai quasi dimenticata, ai tempi situata nel Castellavazzo e dal nome alquanto singolare, Vajont. Pochi ricordano che sulla sinistra orografica del fiume Piave, in prossimità della convergenza dello stesso con l’omonimo torrente Vajont, sorgeva appunto la frazione.
L’omaggio a questo piccolo centro, comunque molto produttivo, viene fatto inserendo aneddoti realmente vissuti nella vicina frazione di Codissago con alcuni personaggi inventati nei nomi ma non nelle mansioni o richiamando personaggi realmente vissuti ma attraverso una storia inventata.
Verrà menzionata parte della vita di allora attraverso gli incontri al bar, di alcuni episodi legati ai dazieri presenti sul territorio come esattori di imposte su mandato dei Comuni. Verrà ricordata anche la figura di Tina Merlin con due apparizioni interamente inventate ma narranti alcuni veri episodi della sua vita.  Senza offendere la sensibilità di nessuno, si intende narrare anche i momenti di ilarità vissuti prima del 9 ottobre 1963.  
Il tutto viene proposto in lingua dialettale rendendo alquanto originale la rappresentazione che vedrà comunque un epilogo recitato in italiano inframmezzato dal vero racconto di un soccorritore dell’epoca, portato dal dialogo forzato dal figlio, inizialmente ignaro, di quale sia stato il vero peso di questa brutta pagina della storia italiana. Auguriamo buona visione auspicando che i momenti ilari uniti a quelli tristi possano contribuire e rafforzare il ricordo di Vajont e di tutti gli altri paesi coinvolti dal disastro.

Ingresso libero