Comune di Fontanafredda

Ricerca rapida


< vai al contenuto centrale




Il tuo percorso: Ti trovi qui: Notizia

REGOLAMENTO DI POLIZIA URBANA

importante modifica di interesse collettivo

 

Il Consiglio Comunale di Fontanafredda con proprio atto n. 59 del 29 settembre 2014  ha approvato alcune importanti modifiche all'articolo 21 del Regolamento comunale di Polizia urbana:

 

 

ART. 21

ESTIRPAMENTO DELL’ ERBA E CURA DELLE SIEPI E DELLE PIANTE

 

1.              I proprietari, i detentori o i possessori degli immobili e dei terreni posti lungo le strade sono obbligati ad avere costante cura delle siepi e delle piante affinché le stesse non sporgano sulla sede stradale, occultandone la visibilità soprattutto nei tratti in curva, nascondendone la segnaletica stradale e coprendo la pubblica illuminazione e dunque costituendo pericolo per la circolazione dei veicoli e dei pedoni. E’ fatto obbligo ai proprietari di rimuovere tempestivamente le ramaglie o quant’altro sia caduto sulla sede stradale dalla propria proprietà.

2.              Le recinzioni confinanti con le aree pubbliche o aperte al pubblico debbono essere prive di sporgenze acuminate o taglienti o di fili spinati fino all’altezza non inferiore a metri 2,00.

3.              Su tutti i terreni posti sul centro abitato, deve essere garantita la manutenzione e la pulizia, gli stessi devono essere curati e l’erba tagliata, affinchè non possa diventare ricettacolo in particolare per ratti e rettili, tali da non creare problemi igienico sanitari ed al fine di evitare il degrado urbano.

4.              L’erba tagliata, ad eccezione di quella triturata e i residui di potature dovranno comunque essere rimossi ed avviati al corretto smaltimento, non è consentito lasciarli accatastati sul terreno (esclusa la zona di compostaggio).

5.              Qualora venga accertata la violazione del presente articolo, verrà imposto al proprietario o al detentore del fondo, al fine di effettuare i dovuti lavori di potatura e sfalcio, un periodo di giorni 10. Terminato tale periodo, in mancanza dell’esecuzione, il ripristino verrà eseguito d’ufficio con relativo addebito al proprietario o di altro obbligato, delle spese sostenute dal Comune.  Qualora dall’incuria del fondo ne derivi un grave ed imminente pericolo per l’incolumità pubblica, l’Amministrazione Comunale interviene in sostituzione del proprietario anche con interventi temporanei (transennature, delimitazioni di parte del suolo pubblico ecc… ) addebitando ad essi il relativo costo.                                                                                     

6.              Al di fuori degli obblighi dettati dai commi precedenti e dal codice della strada, il Comune, con apposita ordinanza, può disporre, a carico dei proprietari di qualsiasi immobile o terreno prospiciente la pubblica via o comunque posto in centro abitato, l’obbligo di provvedere all’estirpamento delle erbe nei giardini privati nonché alla potatura delle siepi e delle piante crescenti o poste lungo la fronte delle costruzioni, lungo i muri contigui di cinta o confinanti con la sede stradale. La disposizione vale anche per il verde condominiale.

7.              In ogni caso i terreni liberi da colture devono essere sfalciati almeno 3 volte all’anno e devono essere tenuti sgomberi da sterpaglie, rovi e di ogni altro elemento o situazione che possa costituire motivo di proliferazione di insetti, rettili, roditori o qualsiasi altro soggetto infestante. Non possono essere impiegati come luogo di scarico, anche se provvisorio, di immondizie o materiali di rifiuto in genere.

8.              Nei terreni di cui al precedente comma dovranno essere evitati gli impaludamenti ed i ristagni d’acqua.

9.              La violazione del presente articolo, in tutti i suoi commi, comporterà la sanzione di cui all’art. 17 del Regolamento Comunale delle Sanzioni Amministrative pecuniarie per la violazione dei Regolamenti e delle Ordinanze.